/ Eventi

Eventi | 10 dicembre 2023, 11:00

Oggi a Crevoladossola la presentazione de L'Agenda di Mati

Nuovo progetto dell'associaizone Matibellula a sostegno della ricerca sulle malattie oncologiche pediatriche e sulle malattie pediatriche rare

Oggi a Crevoladossola la presentazione de L'Agenda di Mati

Matibellula Odv presenta 'L'Agenda di Mati', un nuovo progetto editoriale che, dopo Fantàsia, vede raccolti tanti disegni e scritti di Matilde Cara in una vera e propria agenda, in cui sono indicati tutti i 365 (anzi 366) giorni di un anno, senza specificarne l'annualità. "Matilde non era solo molto creativa, la sua sensibilità sapeva cogliere la bellezze delle espressioni artistiche altrui"... così scrivono mamma Alinda e papà Andrea nell'introduzione ed infatti, nell'Agenda, potrete trovare anche i disegni del piccolo Mattia Parravicini che, proprio come uno di quei "fulmini" che lui amava tanto, ha attraversato la vita di chi lo ha conosciuto e poi le opere di Sofia Posadino, in particolare il suo "Cielo Stellato" che fa da copertina all' Agenda "Un dipinto che Matilde amava molto" dice mamma Alinda e prosegue : "Glielo avevo mostrato quando era stato scelto per rappresentare la notte dei ricercatori europei".

La presentazione sarà domenica 10 dicembre ore 16.00, nell' aula magna delle scuole F.lli Casetti di Preglia con la partecipazione del Cantante della Solidarietà, Salvatore Ranieri, insieme a tanti piccoli Amici di Matibellula. Grazie ai proventi de l'Agenda di Mati, l'Associazione Matibellula sosterrà la ricerca sulle malattie oncologiche pediatriche e sulle malattie pediatriche rare, con particolare riferimento al Dipg (Diffuse Intrinsic Pontine Glioma), alla malattia di Huntington giovanile e alla Seu (Sindrome Emolitico-Uremica). Si potrà anche inoltre contribuire alla nascita di un progetto che diffonda e renda maggiormente accessibili le cure palliative pediatriche. Sfogliare l'Agenda di Mati sarà come aprire uno scrigno pieno di gioielli preziosi, realizzati da dei "piccoli grandi artisti", quali sono stati Matilde, Mattia e Sofia e, grazie a loro, si potrà continuare ad alimentare la speranza di una cura per tanti altri bambini.

Daniele Piovera

WhatsApp Segui il canale di OssolaNews.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore