/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 20 febbraio 2021, 20:19

Frontalieri presi di mira dalla Lega dei Ticinesi per un video su una chat che deride un malato di Alzheimer

Il fatto accaduto in una casa di riposo di Intragna

Frontalieri presi di mira dalla Lega dei Ticinesi per un video su una chat che deride un malato di Alzheimer

Mimano le movenze di un ospite della casa di riposo San Donato affetto da Alzheimer, girano la scena col telefonino e la diffondono sulla chat Whatsapp dei dipendenti. Protagonisti dell’episodio, finito sui media ticinesi, sono tre dipendenti casa per anziani San Donato di Intragna.

Un loro collega non ci sta e rende la notizia di pubblico dominio. In imbarazzo il Consiglio di fondazione della struttura che s’affretta a precisare che i tre sono stati immediatamente sospesi e due si sarebbero già dimessi. In imbarazzo soprattutto i colleghi dei tre che, in una nota diffusa dalla Commissione interna del personale, rettificano quanto riferito da www.mattinonline.ch, l’edizione web del Mattino della domenica organo ufficiale della Lega dei ticinesi, che nel titolo evidenzia: “Ci sono anche due frontalieri”. “Solo la minoranza delle persone direttamente coinvolte sono frontalieri”, precisa in modo non del tutto chiaro la commissione. Le qualifiche attribuite dai media d’oltreconfine ai tre protagonisti dell’episodio, inoltre, sarebbero inesatte: “Le figure professionali coinvolte nei fatti non sono due Assistenti Geriatrici ma figure professionali diverse, fra le quali due sono state assunte solo da pochi mesi”.

Poi la replica al Mattinonline: “Vorremmo sottolineare quanto sia mortificante per noi leggere sui social e sui media commenti pesanti rivolti al personale frontaliere. Questo devia inoltre l’attenzione sul grave fatto accaduto verso un particolare del tutto irrilevante ai fini di quanto successo e che non dovrebbe mai accadere, a prescindere dalla provenienza del personale impiegato”.

Il Consiglio di fondazione, mentre le verifiche proseguono, ha inviato una lettera di scuse ai famigliari di tutti gli ospiti della struttura.


Redazione

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore