Sarà smantellato il grandioso plastico raffigurante Calasca Castiglione

CALASCA CASTIGLIONE -

Sarà interamente smantellato il grandioso plastico raffigurante l’intero territorio del Comune di Calasca Castiglione.

Sandro Benedetti, portavoce dell’Associazione Sportiva di Calasca racconta: «Nel 2013 all’interno della Sportiva, presieduta da Fermo Lometti e già promotrice del concorso “Presepi nelle frazioni” è nata l’idea di realizzare una miniatura del Comune e al suo interno inserire una singolare Natività. Sembrava tutto semplice e facile ma ne è nata un’impresa straordinaria. Sono stati coinvolti tecnici preparati e valenti artigiani locali. La progettazione è stata affidata a Dario Inzoli, ma il lavoro coinvolse tutti. Sorsero laboratori tecnici sia a Calasca sia a Castiglione. I modellini di case, chiese, forni, piccoli oratori, ponti, fontane iniziarono a moltiplicarsi. Facile a dirsi ma realizzare un plastico fedele alla realtà non è stato semplice: nuclei abitativi, torrenti, monti, strade, piazze.

Le dimensioni hanno preso subito un aspetto imponente: 12 metri di lunghezza per 2,5 metri di larghezza.

Partendo da Barzona fino all’oratorio di San Carlo non è stato tralasciato nulla e ad ogni frazione è stata fatta una breve descrizione. Costruzioni e luoghi caratteristici facilmente riconoscibili. Riproduzioni tutte in scala 1:100 mentre il resto del territorio è stato tenuto sottodimensionato».

Imponente la quantità di materiali usati: 600 Kg. di gesso. 100 metri quadri di pannelli lignei. 30 metri quadri di rete metallica. 460 alberelli. 120 metri di fibra ottica per ricreare l’illuminazione pubblica. Oltre 500 ore di lavoro con tre-quattro persone a turno sempre al lavoro a cui aggiungere le pregevoli pitture di Roberto Rolando e Giuliana Mugellini.

Sandro Benedetti continua: «È stato realizzato un perfetto impianto idrico in grado di ricreare la spettacolare cascata della Val Bianca e il sottostante torrente Anza, compresa la diga di Molini.

Oggi tutto questo finisce. La Fondazione “Tonna Boiti” proprietaria dei locali in cui era stato realizzato il plastico, ha previsto una riqualificazione dell’immobile e a noi non resta che mettere a disposizione le chiese, gli edifici e quant’altro a coloro che li volessero ritirare. In cambio chiediamo un’offerta a favore della società Sportiva Calasca.

Stiamo pensando di realizzare un DVD contenente la storia e le immagini di quest’opera applaudita da tutti e nata grazie alla collaborazione volontaria degli abitanti dell’intero Comune».

Info: 349 822 80 32.

Walter Bettoni
Ricerca in corso...