Al Moro quasi due metri di neve, 120 centimetri a Macugnaga FOTO

Corsi: "Con questo innevamento avremmo avuto il boom di presenze: un enorme peccato. Speriamo che il 18 si possa davvero aprire lo sci a tutti”

macugnaga -

Centoventi centimetri in paese, centocinquanta a Pecetto, quasi 2 metri al Moro. La dama bianca è stata generosissima con Macugnaga. "In tre giorni -spiega il sindaco Stefano Corsi- abbiamo avuto precipitazioni quasi continue: non si faceva in tempo a pulire strade e vialetti, che la neve poco dopo ricopriva nuovamente tutto". Una neve quasi scandinava, farinosa, asciutissima. "Proprio per questo il rischio valanghe è limitato, anche perché non c'erano precedenti accumuli significativi nei canaloni. Solamente ieri abbiamo chiuso una parte della passeggiata che porta a Pecetto, ma per la nebbia che non consentiva di vedere la situazione del versante. Oggi l'ordinanza di chiusura è stata revocata” sottolinea il primo cittadino.

Che poi esprime il rammarico per le chiusure forzate. "Con questo innevamento, in questo periodo dell'anno, avremmo avuto il boom di presenze. Invece i negozi sono chiusi, cosi come ristoranti, bar ed alberghi. E gli impianti servono solo gli atleti degli sci club: un enorme peccato. Speriamo che il 18 si possa davvero aprire lo sci a tutti, anche se nutro dei dubbi che sarà davvero cosi” prosegue  Corsi.

Il sindaco sollecita anche la Regione per il rinnovamento degli impianti, già finanziato. "Ci sono sette milioni e mezzo da spendere: si è scelto di riprendere l'accordo di programma del 2017, spero che finalmente i lavori possano partire".

Daniele Piovera
Ricerca in corso...