Assicurazione sul motorino: quali consigli per risparmiare?

Se possedete un motorino e siete a caccia di soluzioni che vi facciano risparmiare, ecco alcuni consigli che potrebbero portare un sorprendente abbassamento del vostro premio annuale di polizza. Chiunque accetterebbe di pagare di meno la propria polizza assicurativa sul motorino, eppure questo è possibile, non è poi così difficile riuscire a risparmiare sul costo dell'assicurazione. Bastano un minimo di attenzione e la costanza di tenersi informato sulle nuove offerte, sulle innovative formule che le compagnie adottano e studiano per i propri clienti e magari periodicamente, in prossimità della scadenza, attraverso i siti di comparazione su internet, confrontare il premio della propria polizza con quello di altre compagnie assicurative, poiché in questo campo la fedeltà non sempre paga. Ad un cliente silenzioso che paga regolarmente il premio, non vengono offerti sconti o promozioni e allora alzate la voce, a maggior ragione che dal 2015 in motorino è possibile andare in due, a patto che il ciclomotore sia omologato e il conducente abbia almeno 16 anni, e le assicurazioni hanno subito un aumento dei prezzi poiché la copertura si è allargata includendo anche gli infortuni ai passeggeri.

Lo sapevate che pagare il premio annualmente è più conveniente rispetto al pagamento semestrale o alle nuove soluzioni di assicurazione a rate spalmate nel corso dell'anno? A seconda delle compagnie il risparmio può arrivare anche fino al 3% del premio.

Non solo confrontate le varie polizze tramite i siti che offrono proprio questo tipo di servizi, ma sottoscrivetela direttamente online, solitamente sono molto più convenienti di quelle tradizionali, pur assicurando le stesse garanzie e assistenza che offrono le agenzie fisiche, se non addirittura migliori.

Se siete l'unico conducente del ciclomotore o comunque anche altre persone che lo guidano hanno più di una determinata età, è possibile sottoscrivere una polizza con guida esclusiva o legata all'età del conducente, che fa risparmiare non poco andando ad escludere dalle coperture i danni causati dai più giovani, che sono le categorie più a rischio. In questo caso però, nell'eventualità di un incidente, se alla guida vi è un'altra persona o un conducente più giovane, la compagnia può respingere la richiesta di danni.

Molte assicurazioni offrono l'opzione 6 ruote, ossia per chi è già assicurato con l'auto presso di loro sono previsti sconti in caso si sottoscriva anche una polizza sulla moto, per alcune di esse però i veicoli a due ruote che rientrano in tale opzione sono soltanto i motocicli, mentre l’assicurazione scooter 50 è diversa in quanto questi ultimi rientrano nella categoria ciclomotori.

Se un vostro familiare convivente possiede già un'assicurazione su un ciclomotore, potete ereditare la sua classe di merito, a patto appunto che entrambi i veicoli siano della stessa tipologia e questo grazie alla famosa Legge Bersani.
Non tutte le assicurazioni valutano nello stesso modo una classe raggiunta in modo naturale da una ereditata che potrebbe quindi costare leggermente di più, ma in ogni caso la convenienza è notevole se l'alternativa è partire dalla classe di merito più alta e quindi più costosa.

Negli ultimi anni le assicurazioni si sono adeguate alle abitudini dei conducenti di ciclomotori, proponendo loro assicurazioni temporanee o sospendibili. Nel caso delle prime i proprietari hanno facoltà di assicurare il proprio mezzo soltanto in alcuni periodi dell'anno con polizze dalle durate semestrali, trimestrali, mensili o anche giornaliere adattandosi perfettamente all'uso, che può essere quello dei soli mesi estivi o dei fine settimana.

Le assicurazioni sospendibili invece generano un risparmio indiretto, visto che il premio da pagare equivale all'annualità, ma durante la stessa la polizza può essere messa in pausa per poi riattivarla in un secondo momento, di fatto allungando la durata della sua vita residua. L'unica accortezza da tenere in considerazione nel caso di quest'ultimo tipo di assicurazione è di leggere attentamente le clausole del contratto poiché alcune compagnie assicurative hanno un limite di sospensioni annuo.

In conclusione, ovunque provenga il risparmio, per ottenerlo l'importante è seguire le politiche delle compagnie assicurative, approfittare del mercato concorrenziale che esiste in questo settore e non semplicemente limitarsi al pagamento del premio annuo. Per gli scontenti o per i nuovi sottoscrittori una buona regola per guardarsi attorno è senz’altro quella di fare preventivi gratuiti utilizzando portali come Qualepolizza.net

Redazione
Ricerca in corso...