Escursionisti a spasso in Val Grande sottoposti a procedimenti giudiziari dai Carabinieri Forestali

Prosegue l'attività di controllo all'interno del Parco Nazionale

VAL GRANDE -

Se ne andavano tranquillamente in giro per i sentieri della  Val Grande, incuranti degli inviti che giungono sempre da più parti, di stare tutti a casa. Per questo motivo tre escursionisti sono stati sottoposti ai procedimenti giudiziali dopo essere stati ritrovati dai miitari del Reparto Carabinieri Parco Nazionale Val Grande - in questi giorni impegnati in una serie di attività di controllo all’interno del territorio del parco, per la verifica appunto della eventuale presenza di escursionisti. Durante i controlli sono stati ritrovati, in due diverse località, tre soggetti che sono quindi stati sottoposti ai procedimenti giudiziari. "Si evidenzia che allo stato attuale, la Val Grande, per le caratteristiche e la rete sentieristica, rappresenta un territorio non compatibile con una normale attività motoria. Inoltre - sottolinea il Ten. Col. Andrea Baldi - la tipologia di alcuni percorsi del parco sono potenzialmente pericolosi, soprattutto in certe condizioni. Nella zona settentrionale del parco, ed al di sopra dei 1200 m di quota, le condizioni della copertura nevosa sono tali da ritenere particolarmente marcato il rischio di valanghe. Si ricorda che i rifugi presenti all’interno, sia del Ente Parco che Comunali, sono stati chiusi e sono pertanto non disponibili per gli escursionisti".

Ricerca in corso...