Massoni: "Per rispetto in questo difficile momento non accetteremo promozioni a tavolino"

Per l'allenatore della Virtus Villa il calcio adesso passa in secondo piano

villadossola -

Il calcio passa in secondo piano, durante un periodo critico come quello attuale. Anche per la Virtus Villa, capolista di Prima Categoria al momento dello stop del campionato, che nel silenzio degli organi preposti a decidere le sorti della stagione, ha preso la propria decisione: non accetterà eventuali promozioni a tavolino. “È una scelta societaria che condividiamo e rende orgogliosi tutti noi che facciamo parte della Virtus Villa” afferma Daniele Massoni, allenatore della squadra ossolana. “Ci atterremo alle decisioni della LND, che saranno sicuramente prese con raziocinio, ma come forma di rispetto per le migliaia di persone che hanno perso la vita, abbiamo deciso di non accettare promozioni e chiedere di ripartire dalla Prima Categoria”. Una presa di posizione, quella dello storico club ossolano, che mette in secondo piano la questione calcistica.

Massoni, infatti, non esclude a priori la possibilità di scendere in campo, ma ritiene che allo stato attuale delle cose sia difficile portare a termine i campionati: “Oltre al discorso pratico, legato al decorso del virus, ci sarà da affrontare quello morale. C'è chi a causa di questa pandemia ha perso i propri cari, quanta voglia avranno di rimettersi a fare ciò che dovrebbe essere un divertimento? E poi, che pensieri avrà un ragazzo che dovrà marcare un avversario su calcio d'angolo e avere continui contatti fisici in campo? Per poter ricominciare non basteranno i contagi azzerati, ma bisognerà metabolizzare questo periodo a livello morale” afferma il tecnico. “Ci atterremo alla decisione della Federazione, perché sicuramente sarà presa al di sopra di ogni tipo di interesse personale. Non abbiamo le competenze né per dire quando potremo uscire di casa, né per dire che non giocheremo a prescindere. Quando arriverà quel momento, significherà che lo sport potrà essere uno strumento di rinascita.”

La Virtus Villa stava disputando una stagione di altissimo livello, in pole per conquistare il salto in Promozione, ma l'emergenza sanitaria ha cambiato le priorità di tutti. “In questo momento è davvero difficile pensare al calcio” afferma Massoni. Se avessi dovuto commentare la nostra stagione il 15 febbraio sarei stato orgoglioso del lavoro fatto da questo gruppo fantastico, che stava lottando per il suo terzo campionato vinto consecutivo. Ora l'unica cosa che importa è che tutti stiano bene”. La squadra del presidente Vincenzo Bruno, in questi giorni, sta giocando un'altra partita, contribuendo a varie iniziative di solidarietà, tra cui una donazione all'Ospedale San Biagio e alle famiglie di Villadossola più in difficoltà; ora, la Virtus Villa si sta organizzando per un'altra raccolta fondi, quella per i dispositivi di protezione del personale del 118.

Ricerca in corso...