Piemonte zona rossa, si va verso un nuovo lockdown

Coprifuoco alle 22 e limitazione agli spostamenti: ecco cosa dice l’ultima bozza del Dpcm

vco -

Lombardia, Piemonte, Calabria, Alto Adige e Valle d'Aosta nel nuovo Dpcm dovrebbero essere considerate zone rosse. I media nazionali lo danno quasi per certo. Quindi anche per la nostra Provincia si prospetta un nuovo lockdown.

Ma cosa prevede il nuovo Decreto che vedrà la luce in nottata o al più tardi in mattinata.

Coprifuoco dalle 22 alle 5

Dalle ore 22:00 alle ore 5:00 sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. E' in ogni caso fortemente raccomandato a tutte le persone fisiche, per tutto l'arco della giornata, di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi".

Misure in vigore dal 5/11 fino a 3/12 

"Le disposizioni del presente decreto si applicano dalla data del 5 novembre 2020, in sostituzione di quelle del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 24 ottobre 2020, e sono efficaci fino al 3 dicembre 2020". E' quanto si legge nella bozza del Dpcm.

Chiusi anche negozi

Stop anche alle attività dei negozi e mercati nelle regioni, province e comuni a massimo rischio. Lo prevede la bozza del Dpcm all'articolo 1 ter. "Sono sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari". Il provvedimento ferma anche i mercati, tutte le attività di bar e ristorazione (salvo la consegna a domicilio l'asporto consentito fino alle 22) e le attività sportive. Resta invece consentita l'attività motoria "in prossimitaàdella propria abitazione" e con obbligo della mascherina e l'attivitaàsportiva "esclusivamente all'aperto e in forma individuale".

Scuola in presenza fino alla prima media nelle zone rosse

Secondo fonti di governo, il nuovo Dpcm prevede la scuola in presenza fino alla prima media nelle zone rosse, quindi anche nella nostra Provincia.

Bar e ristoranti chiusi

"Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie),ad esclusione delle mense e del catering ". "Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio e l'asporto fino alle ore 22. "Restano comunque aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro".

Stop agli sport all'aperto

Nelle zone caratterizzate da "uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto" - le cosiddette fasce rosse - sono sospese le attività "svolte nei centri sportivi all'aperto", così come "tutti gli eventi e le competizioni organizzati dagli enti di promozione sportiva". Nelle zone caratterizzate da "uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto" - le cosiddette fasce rosse - "è consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione, purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona e con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie". Inoltre, "è consentito lo svolgimento di attività sportiva esclusivamente all'aperto e in forma individuale".

Redazione
Ricerca in corso...