Domo dirà addio all'idea del palazzetto dello sport?

DOMODOSSOLA -

Dopo la doccia fredda per Verbania, colpita dalla decisione del governo Conte di intervenire in sede di decreto Milleproroghe per definanziare il "fondo Periferie", rischia di essere in arrivo un'altra brutta notizia per un'altra infrastruttura importante per il territorio del Verbano Cusio Ossola: il Palazzetto dello Sport di Domodossola.

Se n'è accorto il deputato ossolano democratico Enrico Borghi, che nel corso della discussione in commissione bilancio sul "Milleproroghe" ha approfondito la questione insieme con l'ex ministro allo sport Luca Lotti, facendo venire a galla una situazione particolare. Il DPCM di riparto del Fondo "Sport e Periferie", sul quale il Comune di Domodossola nel dicembre 2017 ha fatto domanda, è stato adottato in via preliminare dal governo Gentiloni e inviato al Consiglio di Stato, il quale nel corso del cambio di governo ha provveduto a esprimere il previsto parere favorevole, mettendo sul tavolo del governo Conte il provvedimento finale che deve essere ora adottato in via definitiva.

Ma il governo giallo-verde non sta dando attuazione all'atto finale, e la cosa che ora insospettisce i deputati democratici risiede nel fatto che il governo ha dato parere negativo ad un emendamento (a firma Lotti) che impegna in governo in tal senso.

"Visto il precedente del bando periferie -commenta Borghi- siamo fortemente preoccupati del fatto che il governo possa fare il bis anche sul bando sport e periferie, causando in tal caso un grave danno a Domodossola che si verrebbe privata di una importante opportunità. Appare evidente la volontà della maggioranza di definanziare tutte le iniziative che si è trovata sul tavolo, da un lato per azzerare quanto fatto in passato e dall'altro per costituire un tesoretto utile per trovare una intesa all'interno della già litigiosa coalizione di governo in vista della prossima legge di bilancio. Un azzeramento del fondo sport e periferie sarebbe un altro gravissimo danno ai territori e alle amministrazioni comunali che su questo tema si sono impegnate con progettazioni e mobilitazioni, come nel caso di Domodossola, di risorse private che verrebbero disperse. Così come fatto sul decreto milleproroghe, ci attiveremo con ulteriori iniziative politiche e parlamentari per chiedere che il governo adotti in via definitiva il DPCM e dia opportunità concrete così come previsto".

 

Ricerca in corso...