La Traccia Bianca vede trionfare Marco Valagussa e Giulia Saggin

ALPE DEVERO -

Una giornata spettacolare ha accolto i quasi 900 atleti iscritti alla quattordicesima edizione de La Traccia Bianca, organizzata per la prima volta dall'asd LTB.

Un sole caldo e quasi primaverile ha accompagnato gli atleti durante la gara, esaltando il già stupendo scenario, l'Alpe Devero, in cui La Traccia Bianca si è disputata.

Le condizioni d’innevamento e di temperatura non hanno consentito lo spettacolare passaggio sul Lago di Devero, ma il percorso è stato comunque ricco di magnifici scorci che hanno ingentilito la fatica degli atleti presenti e hanno permesso di apprezzare in pieno il territorio circostante.

E, in un anno ricco di novità, caratterizzato anche dalla rinnovata partenza in zona Campeggio Rio Buscagna, non potevano che essere "nuovi" anche i vincitori: in campo maschile ha trionfo per Marco Valagussa, che ha coperto il percorso di circa 7,9 km in 36'37"; l'atleta dell’asd Caddese Monique Girod ha preceduto di 13" un atleta del calibro di Mauro Bernardini (Avis Ossolana),arrivato senza una ciaspola, e di 22" il sempre positivo Michele Fantoli (ASD Caddese Monique Girod).

In campo femminile pienamente rispettati i pronostici: assente la plurivincitrice Manuela Brizio, Giulia Saggin, al debutto in una gara con le ciaspole, ha dominato andando a vincere con il tempo di 44'19"; a ben 3'44" è giunta Chiara Cerlini (GS Bognanco),capace già altre volte di salire sul podio de La Traccia Bianca, mentre in terza posizione si è classificata l'esperta Nicoletta Rossetti, a 9'19".

Soddisfazione per l'asd LTB che, grazie anche alla collaborazione dell'Associazione Vividevero, della Cooperativa Devero 2.0 e del CAI Pallanza, che ha ideato e portato avanti per anni questo evento, ha superato brillantemente la prova organizzativa: La Traccia Bianca ha ancora un futuro luminoso!

Walter Bettoni
Ricerca in corso...