Si lavora a Formazza per ripulire il vallo di protezione riempito dalla frana

Formazza -

‘’Si lavora alacremente per svuotare il vallo che si è riempito di materiale; poi dovremo programmare un intervento per far scendere a valle la parte di costone rocciosa rimasta in bilico sulla montagna’’. Bruna Papa, sindaco di Formazza, è impegnata in queste ore a garantire sicurezza ai cuoi paesani, sedici dei quali sono fuori casa a causa della frana caduta l’altro giorno. Una ripetizione, pur in misura minore, del grosso distacco di rocce avvenuto 10 anni fa, quando scese a valle gran parte della montagna : allora si parlò di 400 mila metri cubi di materiale.

Il primo lavoro è quello di ripulire il vallo costruito a protezione delle case. Vallo che ha effettivamente protetto l’abitato. Poi (e martedì era in valle il consigliere regionale Alberto Preioni) toccherà alla Regione trovare fondi per mettere in sicurezza la zona visto che la ‘’torre rocciosa’’ è un costante pericolo per il paese. 

‘’Dovremo riutilizzare il laser scanner per analizzare la frana e capire rispetto a prima come è la situazione’’ dice il sindaco formazzino, che vuole ''ringraziare la Protezione civile provinciale che è intervenuta con uomini e mezzi''.

Renato Balducci
Ricerca in corso...