Spadone: ''Sui 9 milioni non parliamo di canoni idrici: è una transazione''

DOMODOSSOLA -

"Sui canoni si stanno scrivendo tante cose. Ora anche i 5Stelle  mettono il capello su una cosa sulla  quale non mi pare abbiamo fatto atti volti a tale scopo, anche quando hanno approvato quel’ordine del giorno  che impegnava a valutare come recuperare i canoni destinati al VCO. Era un atto prettamente politico ma non un atto con una valenza giuridica che obbligasse la giunta’’. Anche Luigi Spadone, ex vicepresidente della Provincia, interviene sull’argomento canoni.

‘’Innanzitutto – aggiunge Spadone – non si tratta di canoni idrici ma nel senso della parola di una  transazione fatta sì sui canoni pregressi ma non si tratta di canoni idrici trasferiti in maniera fissa e ricorrente. Quindi  dal 2020 senza un  provvedimento ad hoc quelle risorse vengano nuovamente trasferite. Ripeto si tratta di una transazione fatta tra Regione e Provincia, che rinunciava al ricorso posto in essere e  la Regione riconosceva quei 9 milioni. Ha ragione Reschigna quando dice che si tratta di un impegno da lui assunto all’inizio del 2019, dal momento in cui la provincia del VCO si trovava di fatto sull’orlo del dissesto. Non che nel frattempo le cose siano migliorate, ma quei nove milioni hanno consentito di andare avanti anche se  non in termini di cassa ma di competenza. Diventeranno di cassa nel momento in cui, da quanto si è letto, si  andrà al pagamento. I canoni potranno diventare una risorsa fissa per il VCO nel momento in cui la nuova amministrazione regionale riuscisse ad approvare un provvedimento legislativo che consentisse la trasmissione dal punto di vista prettamente giuridico e quindi nel momento in cui ci fosse una legge regionale: insomma una voce fissa e ricorrente. Allora potremmo chiamarli canoni.  E solo allora si potrà riconoscere che si tratta di una grande cosa. Quindi è importante per il territorio il provvedimento che, come capogruppo, Preioni intende portare avanti sui 18 milioni dei canoni. Solo allora potremmo dire che ha fatto una grande cosa’’.

Renato Balducci
Ricerca in corso...