Area Ceretti, Romeggio: ''Il Pci nel 1992 andava a braccetto con i proprietari. Ora ci accusano....''

villadossola -

E’ stato un autentico fuoco di fila  quello che la giunta Toscani ha indirizzato martedì sera contro il gruppo di opposizione ‘’ViviAmo Villa’’. Una serie di attacchi, considerazioni e critiche ‘agevolate’ dall’ultimo punto in discussione: ‘’La sistemazione dell’area Ceretti in riferimento ai vari comunicati stampa’’. Comunicati che ricordiamo hanno portato la giunta Toscani a denunciare  la segreteria del Pd di Villadossola (e pare anche la proprietà dell’area) per diffamazione.

Clima respirato anche in consiglio comunale.  E se gli interventi del sindaco Bruno Toscani, degli assessori Pierangela Borca, Stefano Cittadino e Massimo Gervasoni sono stati anche moderati, quello dell’assessore Maurizio Romeggio è stato duro e altamente critico verso il Pd. Romeggio ha  recuperato, sulla ex Ceretti,  anche posizioni opposte all’attuale tenute dal Pd, alloca Pci,  nel 1992.

L’assessore ha chiesto un paio di volte al capogruppo di ‘’ViviAmo Villa’’ se condivideva l’attacco ‘’grave, cattivo, insinuante’’ contenuto nel comunicato del Pd. Alberto Lepri che non ha preso le distanze dal comunicato ma si è limitato a dire due volte che ‘’se la maggioranza lo ritiene un attacco ha gli strumenti legali per farsi valere’’.

Insomma, com’era prevedibile, l’area Ceretti torna ‘’campo di battaglia’’ tra la minoranza (apparsa anche timida nel replicare) e la maggioranza (schierata in forze nell’intervenire).

Romeggio è tornato addirittura al 1992 quando ‘’la maggioranza Psi-Dc si oppose al piano che prevedeva di triplicare la volumetria. Noi del Psi finimmo in minoranza e il Pci sposò la proposta che prevedeva palazzi di 7-8 piani. Ora che noi vogliamo espropriare l’area,  il Pd  ci accusa di cose vergognose con quella stessa proprietà con cui il partito allora andava a braccetto’’.

Ma Romeggio attacca la passata amministrazione anche il progetto della centrale a biomasse  "tenuta nascosta nel cassetto’’ o dell’ordinanza ‘’superficiale’’ che imponeva di pulire l’area Ceretti, ordinanza  ‘’annullata dal Tar con tanto si spese legali a carico del comune pari a 5-6 mila euro’’.

A chiudere la discussione il sindaco Bruno Toscani: ‘’Capisco l’amarezza per la sconfitta elettorale ma la vostra reazione violenta mi lascia perplesso. Spero sia solo un incidente di percorso anche perché quella situazione di  l’abbandono dell’area è stata solo una sconfitta per il paese’’.

Renato Balducci
Ricerca in corso...