L'alpinista Silvio Mondinelli, i suoi 14 ottomila e le iniziative di solidarietà, un incontro a Casa Don Gianni

DOMODOSSOLA -

Venerdì 16 marzo seconda serata del ciclo di tre incontri “Esco a fare quattro passi...” a Casa Don Gianni.Titolo della serata Oltre i quattordici ottomila con l'alpinista Silvio Mondinelli, detto “Gnaro” uno dei pochi scalatori al mondo ad aver raggiunto tutte le quattordici vette più alte del mondo, portando a termine l'impresa senza l'uso diossigeno supplementare (secondo italiano dopo Reinhold Messner e terzo dopo Sergio Martini che però aveva fatto uso di ossigeno).

Non solo escursionista, Mondinelli ha salvato alpinisti in difficoltà ad altissime quote, ed è perciò spesso chiamato in caso di operazioni di soccorso estreme. Ha inoltre portato avanti iniziative di solidarietà e raccolta fondi per aiutare la popolazione Sherpa, grazie alle quali ha finanziato la costruzione e la gestione di una scuola per 80 bambini a Namche Bazar.

Il 22 ottobre 2005, grazie alla Onlus Amici del Monte Rosa da lui fondata, costruisce ed attrezza un "Trauma Point" sulla via che collega Kathmandu a Pokara, con lo scopo di assistere le numerose vittime degli incidenti stradali. Sostiene inoltre la Onlus Sanonami, che offre aiuto, in Nepal, a bambini soli e a famiglie numerose, grazie alla realizzazione di una casa famiglia che offre rifugio a chi ne ha bisogno, nel rispetto delle diverse culture lingue, religioni e pensieri.

Ricerca in corso...