Si è svolta oggi in Prefettura la riunione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro: estesi i controlli e più collaborazione

Verbania -

Una più stretta collaborazione e controlli estesi a tutti i settori di attività contro gli incidenti nei luoghi di lavoro. È stata così delineata nella giornata di oggi (8 ottobre),in Prefettura, una nuova strategia per contrastare il fenomeno, dopo il recente infortunio mortale che ha colpito un lavoratore a Malesco e all'indomani dell'incidente verificatosi ad Anzola, che ha colpito un lattoniere ancora ricoverato presso l'Ospedale Maggiore di Novara.

Il Prefetto Iginio Olita, che ha riunito intorno al tavolo rappresentanti di INPS, INAIL, Ispettorato Territoriale del Lavoro, S.PRE.SA1, rappresentanti datoriali di A.N.C.E., A.P.I., C.N.A, Confartigianato Imprese, le organizzazioni sindacali e i vertici delle Forze dell'ordine e dei Vigili del fuoco, ha evidenziato la necessità di incrementare il contrasto al lavoro nero, a tutela della sicurezza nei luoghi di lavoro e del principio della concorrenza.

Il tema del contrasto al lavoro nero, in particolare nel settore turistico, è stato, peraltro, affrontato anche nell'ambito di un Comitato provinciale di ordine e sicurezza pubblica recentemente convocato in Prefettura.

Il Prefetto, nell'auspicare che la collaborazione ed il raccordo sinergico tra le istituzioni e le associazione di categoria prosegua sulla scia del lavoro già svolto, ha rimarcato l'importanza della formazione in materia di sicurezza sul lavoro.

L'Ispettorato territoriale del Lavoro coordinerà, quindi, oltre alla specifica attività formativa già avviata negli ultimi anni, la programmazione di un piano di controllo con la partecipazione dei soggetti istituzionali insieme alle Forze di polizia, in particolare Guardia di Finanza e Carabinieri, attraverso il nucleo Ispettivo del Lavoro. Entro la fine dell'anno si terrà in Prefettura un'altra riunione per la verifica dell'attività concordata.

Ricerca in corso...