Anzasca, passi in avanti per la causa di beatificazione di don Giuseppe Rossi

Lo comunica padre Marco Canali, delegato episcopale per la causa di beatificazione e canonizzazione

valle anzasca -

Fa passi in avanti la causa di beatificazione di don Giuseppe Rossi, il parroco di Castiglione ucciso dai nazifascisti nel vallone di Colombetti, in Anzasca nel febbraio 1945.

Lo comunica padre Marco Canali, delegato episcopale per la causa di beatificazione e canonizzazione di don Giuseppe.

Dice: ‘’In occasione del 75° della morte del Servo di Dio don Giuseppe Rossi il 28 gennaio si sono riuniti i Consultori Storici della Congregazione delle Cause dei Santi per valutare la documentazione addotta dalla Positio a sostegno della dimostrazione del martirio in odiumfidei del Servo di Dio. I Consultori hanno riconosciuto all'unanimità la pertinenza e l'esaustività di tale documentazione. Toccherà ora ai Consultori Teologi esprimersi riguardo al riconoscimento del martirio in base ai documenti e alle testimonianze raccolte nel corso del Processo diocesano. Saranno poi i Cardinali e Vescovi della Congregazione ad esprimersi e il Santo Padre a pronunciare il giudizio definitivo in ordine al martirio’’.

Le celebrazioni del giubileo del morte di don Giuseppe si terranno a Castiglione Ossola l’8 marzo: alle ore 16 preghiera sul luogo del martirio; alle ore 17 messa giubilare. 

Ricerca in corso...