Tutto pronto per la seconda edizione di Domosofia

DOMODOSSOLA -

Torna Domosofia il Festival delle idee e dei saperi. Dal 19 al 24 di settembre il Borgo della Cultura ospiterà illustri nomi tra cui lo scrittore Luigi Bllerini, il giornalista Maurizio Molinari, lo stilista Renato Balestra, lo psicologo Raffaele Morelli, la web star Gordon e il compositore Mogol.

Alla conferenza stampa di presentazione di stamane, presso la sala consiliare di Palazzo di Città, il primo cittadino Lucio Pizzi ha sottolineato ”Con la seconda edizione di Domofosia, si concretizza la volontà di questa amministrazione di creare eventi a cadenza regolare in crescita ogni anno. Il festival, nato lo scorso anno come una scommessa, si è rivelata un successo”.

Filo conduttore di questa edizione il tema del sogno “Diceva qualcuno che il mondo è di chi sogna, ecco noi vorremmo trasmettere alla cittadinanza un sentimento di speranza, di buon umore, di fantasia perché sognare è importante”.

Domosofia si concretizza grazie al grande lavoro del vicesindaco Angelo Tandurella: “L’obiettivo è quello di coinvolgere un pubblico ampio sia in termini anagrafici che di interessi culturali”. Rispetto alla precedente edizione, quest’anno vi saranno più relatori, per la precisione 43 contro i 36 dello scorso anno; 27 eventi anziché 24 e l’ampliamento delle aree interessate: oltre al centro storico è stato coinvolto ad esempio il Cinema Corso poiché vi è la necessità di sale di grande capienza. “Domosofia resta per scelta una manifestazione multidisciplinare” continua Tandurella “Caratteristica distintiva di questo evento. Puntiamo sul confronto ad esempio mettendo sullo stesso tavolo, esperti appartenenti a mondi distanti, così da poter creare dialoghi non scontati che arricchiscano il pubblico. Infine il Festival è inserito in un contesto ben preciso: negli stessi giorni a Domodossola ci saranno degli eventi collaterali tra cui la mostra a Palazzo San Francesco De Chirico-De Pisis “La mentre altrove”, l’esposizione “Raccolte d’arte e storia” a Palazzo Silva e la mostra di Théodore Strawinsky “La trasfigurazione poetica” alla Casa de Rodis di Piazza Mercato”.

Ospiti della conferenza di stamane Francesca Zanetta della Fondazione Cariplo tra i partner dell’evento “Avevamo dato supporto in passato al Borgo della Cultura con la speranza che diventasse davvero un contenitore di cultura e sono molto soddisfatta oggi nel dire che c’è una concretezza pazzesca con questo obiettivo: Domosofia rappresenta un festival di alta qualità culturale”.

Presenti anche Giulio Gasparini di Ars Uni Vco e Sandro Grossi sia come editore che in rappresentanza dell’Associazione Culturale Mario Ruminelli.

Domenica Romeo
Ricerca in corso...