Asili, Avetta (Pd): "Perché la Regione non adotta proprie linee guida?"

"Su linee guida ed offerta dei servizi educativi siamo indietro rispetto ad altre Regioni del nord. In Piemonte si rischia di non riaprire i nidi"

TORINO -

"Ma la Regione Piemonte quando pensa di emanare le linee guida per consentire la riapertura in sicurezza degli asili nido? E cosa intende fare per adeguare l’offerta dei servizi educativi, oggi ferma a 25 posti per 100 bambini, ai livelli raggiunti da altre Regioni, come Emilia Romagna, Trentino Alto Adige, Liguria, Friuli, Lombardia e Veneto?". Lo chiede il consigliere regionale Alberto Avetta (PD),che ha presentato un’Interrogazione in Consiglio regionale sul tema della riapertura degli asili nido e dell’adozione delle linee guida per garantire la sicurezza.

"A testimonianza di quanto la rete degli asili nido sia trascurata nella nostra Regione, vi è il fatto per cui non sono ancora state adottate le linee guida per la ripresa dell’attività il prossimo autunno, a differenza di quanto avvenuto per vari altri settori. Per procedere alla redazione delle linee guida piemontesi l’assessore Caucino attende l’emanazione di quelle nazionali, mentre altre Regioni limitrofe, come la Liguria, hanno già provveduto a emanare proprie linee guida riservandosi di adattarle a eventuali diverse indicazioni nazionali. Il che consentirà loro di riprendere l’attività dei nidi in sicurezza già dal mese di settembre, fatto che per il Piemonte non appare per nulla scontato".

C.S.
Ricerca in corso...