Calasca piange la dipartita di Guido Belli, lo storico del paese

Le esequie giovedì alle 10 a Calasca

CALASCA CASTIGLIONE -

All’età di 95 anni si è spento nella sua casa di Calasca Dentro Guido Belli, la memoria storica del paese.
Il minatore più longevo delle miniere d’oro d’Anzasca.

Marco Sonzogni scriveva di lui: «Guido Belli ha lavorato nelle miniere dei Cani che si aprono su una parete di roccia nuda e le gallerie si affacciano a giorno come due orbite vuote che guardano il precipizio del Crotto Rosso. È un posto da lupi a 1500 m di altitudine. Ricordava che partiva dalla sua casa di Calasca alle tre e un quarto, a volte con la neve alta. Doveva essere in galleria prima delle sei per ricevere la razione di carburo che alimentava le lampade ad acetilene. Dopo era stato trasferito nelle miniere di pirite dell’Argentera in val Brevettola “ci spostavamo in bicicletta una volta la settimana, era un castigo pedalare sulla ghiaia per ventisei chilometri”. Nel 1949 era diventato commerciante con licenza “pel commercio ambulante a spalla”».
Poi la pensione e il tempo libero per raccogliere, documentare e raccontare la storia di Calasca.
Una persona di stampo antico, legata al suo territorio dove viveva con la moglie Rosanna.
Mercoledì sera alle ore 18 si terrà il S. Rosario nella Cattedrale tra i boschi di Calasca dove, giovedì 11 alle ore 10, si terranno anche i funerali.

Ricerca in corso...