Merce funzionante rovinata dall’alluvione, la Neh devolve le borracce al Comune di Premosello

Possono essere acquistate con una donazione, il ricavato andrà alle persone colpite dal disastro

PREMOSELLO CHIOVENDA -

L’alluvione ha sferrato un duro colpo a moltissime aziende del Vco: abbiamo dato notizia nei giorni scorsi di allevamenti distrutti, laboratori inagibili, raccolti persi e macchinari irreparabilmente rovinati.

Tra queste aziende c’è la Neh Italia, con sede a Premosello Chiovenda, che si occupa della commercializzazione e personalizzazione di borracce termiche.

Il cambiamento climatico che comporta l’estremizzarsi degli eventi atmosferici, come nel caso di questa alluvione, e la difesa dell’ambiente è stata la molla che ha spinto Simone Zonca a fondare l’azienda nel tentativo di ridurre la plastica circolante.

A seguito dell’allagamento dei propri magazzini,ritrovandosi con gli imballaggi distrutti e moltissime borracce non più commercializzabili a causa di danni meramente estetici, la Neh ha deciso di donarle al Comune di Premosello Chiovenda aprendo una raccolta fondi finalizzata all’aiuto delle aziende e delle persone premosellesi colpite dal disastro naturale.

Con una donazione di 10 euro tramite bonifico sul conto IT50 U 05034 45750 000000004211 sarà possibile acquistare una borraccia e ritirarla presso il Municipio di Premosello.

“In questi giorni ci siamo dati molto da fare per portare avanti quest’iniziativa – scrive Zonca in un post sul priflo Facebook della Neh- che oltre ad aiutare le persone colpite dall’alluvione, vuole lanciare un messaggio rivolto al rispetto per l’ambiente. La strada da prendere, avendo visto con i nostri occhi anche i danni che la Natura può recare alla nostra vita, dev’essere per forza di cosa più vicina e rispettosa dell’ambiente''.

''Ringraziamo – prosegue - tutti per il sostegno e in particolare il Comune di Premosello che ha accolto con piacere ed entusiasmo la nostra iniziativa e si è reso da subito disponibile. Speriamo che l’iniziativa sia apprezzata e accolta da tutti, non solo dai cittadini del nostro comune. Noi, ora, siamo pronti a ripartire con il nostro percorso

Ricerca in corso...