L'ex bassista de ''I Lupi'' si racconta con le sue ''Canzosìe''

villadossola -

Gigi per gli amici, Pierluigi per l’anagrafe. Gigi Battistini, ex assessore comunale alla cultura a Villadossola (Anni Novanta),ex componente del complesso I Lupi (Anni Sessanta e Settanta) dove suonava il basso. Romagnolo trapiantato con i suoi genitori a Villadossola in via Sempione, ex capostazione oggi in pensione, persona colta e sempre ben vestita.

Questo è Gigi, ci ha sorpreso di nuovo. L’ultima novità che offre è ‘’Canzosìe’’, un’ottantina di pagine nelle quali si racconta attraverso le sue poesie. Una passione nascosta, ora venuta alla luce con questo libretto edito da ’’La Pagina’’ e stampato dalla Andersen di Boca.

‘’Peccato di presunzione, sincero, guascone. Partire e non lasciare una mia goccia nel mare. Adesso le Canzosìe sono vostre oltre che mie’’, scrive Battistini nella quarta di copertina. Spiega perché dopo le canzoni e la musica che hanno accompagnato la sua vita, Gigi si sia messo a scriver poesie. ‘’Prima solo per me -spiega - . Su argomenti quotidiani, grandi eventi, ecologia, amore. Poi i figli, la vecchiaia’’. Un viaggio nella vita, tra emozioni e ricordi. Tra esperienze e vita vissuta.

Nella foto la band de ‘I Lupi’ di cui faceva parte Gigi Battistini (è quello in basso, seduto sul pavimento).

Ricerca in corso...